fbpx

Perché il mio profumo preferito non è più lo stesso?

Finalmente trovi la fragranza perfetta per te, quella che ti fa sentire speciale e che esalta le tue caratteristiche, lo compri e ricompri, facendo attenzione che non manchi mai per non perderti quel delizioso rito mattutino col tuo profumo preferito. Poi un bel giorno scopri che quella sensazione di benessere è cambiata, che il tuo profumo non è più lo stesso. Che delusione! Cosa è successo?!

Può essere cambiato il tuo profumo.

I profumieri, ogni tanto, cambiano gli ingredienti delle fragranze, anche le più conosciute. A volte tolgono dal mercato il nostro profumo preferito sostituendolo con una versione diversa, cambiando leggermente nome e packaging, a volte cambiano leggermente la composizione senza dire niente a nessuno. Ma perché lo fanno?
I fattori che dettano le regole della creazione e fabbricazione di un profumo sono tanti:

  • il costo e la reperibilità degli ingredienti
  • le tendenze della moda
  • le regolamentazioni su allergeni e fabbricazione

Molti ingredienti naturali scelti dai profumieri possono diventare col tempo rari e quindi troppo costosi. A volte vengono sostituiti da ingredienti estratti da piante simili o creati sinteticamente.

Le mode dei profumi cambiano, come in tutti i campi. Oggi non siamo più inclini a sorprendere e inebriare con profumi forti come quelli degli anni ’80 e i maestri profumieri tendono a creare fragranze più delicate. Per questo i profumi vintage sono ancora collezionati e ricercati.

Dal 2003 siamo passati da 26 allergeni indicati dall’IFRA, l’Associazione Internazionale Delle Fragranze a 140! Ad ogni sostanza dannosa che si aggiunge alla lista, corrisponde un profumo che cambia o che scompare. Dal lyral, che aiuta a sprigionare la fragranza, al muschio di quercia, usato per dare persistenza e calore a profumi come Chanel n°5, le sostanze messe al bando negli anni sono sempre di più.

Può essere cambiata la tua pelle.

Quando si applica un profumo, le note subiscono delle variazioni olfattive dovute al pH della pelle e agli squilibri della cute.

  • Il pH della pelle, cioè il livello di acidità, cambia da persona a persona e cambia nel tempo, modificando il modo in cui il profumo si lega alla pelle. Un pH basso riduce sensibilmente la persistenza del profumo, mentre una pelle con un livello di acidità maggiore, trattiene meglio il profumo.
  • Variazione del profumo sulla pelle secca: su una con carenza di lipidi, la fragranza risulta in genere meno intensa per una volatilizzazione maggiore del profumo.
  • Variazione del profumo sulla pelle grassa: con una certa presenza di lipidi, la pelle trattiene meglio le componenti aromatiche, ma può far variare la percezione delle essenze agrumate e fiorite. Il sebo, infatti, con il suo odore amarognolo può alterare le note fiorite. I bouquet a base di fiori hanno una resa migliore su un’epidermide con una produzione di sebo regolare. 
  • Variazione del profumo in base al sudore: il sudore, composto di acqua e mix di sali, mescolandosi con il bouquet, può dar vita a una fragranza molto diversa.
  • Variazioni del profumo in base agli ormoni: la variazione della quantità di ormoni nell’organismo può variare i punti precedenti. Il Ph della pelle, l’adiposità e il sudore cambiano anche in base al ciclo mestruale e alla menopausa. Un profumo che ci stava benissimo da giovani, con il tempo può non piacerci più.

Come facciamo a capire se dipende dal profumo?

Le case di profumi non hanno nessun interesse a pubblicizzare ogni cambio di ingrediente, non lo comunicano neanche a noi profumieri, sempre impegnati ad aggiornarci autonomamente. A volte viene sostituita una variante di iris con un’altra, cambiandone il profumo solo leggermente, ma altre volte la ricetta viene stravolta, con ovvio disappunto del consumatore. Nella speranza che almeno i cambiamenti più ovvi e radicali vengano comunicati ai consumatori, restiamo a vostra disposizione come sempre per informazioni sulle variazioni dell’odore del vostro profumo preferito.

Vi è mai capitato di acquistare un profumo che si è rivelato irriconoscibile?

Lascia un commento